READING

7 giorni di notizie sveltine: le modelle di Playbo...

7 giorni di notizie sveltine: le modelle di Playboy Russia scaldano i mondiali, la serie dove sono tutti nudi…

modella Playboy Russia nel campo da calcio dei mondiali

Breve panoramica di quello che di rilevante, bizzarro, eccitante è successo nel mondo nell’ultima settimana di ricerca del piacere.

La formazione al femminile di Playboy Russia scalda il mondiale

Un team femminile di 11 modelle ha realizzato un servizio fotografico super hot per Playboy Russia in uno degli stadi dove si giocheranno i mondiali di calcio. Trovate alcuni scatti qui  e sul canale instagram @playboy_russia

Donne russe ammonite di evitare il sesso con gli stranieri

La deputata Tamara Pletnyova, capo della “Commissione famiglie, donne e bambini russi”, ha fatto un appello alle donne russe invitandole a non “avere rapporti con uomini di altre razze: se rimanete incinte, i bambini finirebbero per essere discriminati”. Il riferimento è alle Olimpiadi degli anni ‘80 che hanno registrato un picco di nascite di bambini costretti a crescere senza padre perché figli di tifosi o atleti che dopo i Giochi sono hanno lasciato la Russia. “Quei bambini trascorsero l’infanzia sotto l’Urss e soffrirono parecchio”, soprattutto quelli nati con la pelle non bianca, etichettati come “Bambini delle Olimpiadi”.

Mikhail Degtyaryov, capo della Commissone parlamentare per lo sport, ha commentato “Più storie d’amore nascono durante i Mondiali, più persone di diversi Paesi si innamorano, più bambini nascono, meglio è”.

Vladimir Putin, attraverso il suo portavoce, ha risposto che “Le donne russe sono le migliori del mondo, possono decidere da sole cosa fare”.

Le donne della famiglia Smith alla tavola rotonda sul sesso

Red Table Talk è la serie di episodi su Facebook dove tre generazioni di donne della famiglia Smith affrontano conversazioni aperte con amici e parenti su varie tematiche delicate. Questa settimana Jada Pinkett Smith, la moglie di Will Smith, sua figlia Willow e sua mamma Adrienne hanno parlato di sessualità. Willow ha raccontato di aver scoperto il sesso quando ha sorpreso i genitori in un momento di intimità. Jada ha detto che parla apertamente di sesso anche con i fratelli di Willow e che è riuscita a capire quando entrambi hanno fatto sesso per la prima volta. Ha raccontato anche che sua nonna le ha parlato di masturbazione quando aveva 9 anni e di aver passato un periodo di astinenza da uomini e di esplorazione in cui aveva quasi sviluppato una dipendenza per gli orgasmi multipli.

Il nuovo hashtag per parlare di masturbazione femminile

Il Mese della Masturbazione (maggio) è passato da un pezzo ma è bene continuare la conversazione (e la pratica!) sull’autoerotismo femminile, ancora al centro di tabù e causa di vergogna e sensi di colpa.

The Pink Protest, la comunità femminile inglese che promuove un attivismo per i giovani inclusivo e divertente, ha lanciato la campagna #girlswanktoo (anche le ragazze si masturbano) per abbattere i tabù che circondano la masturbazione femminile e incoraggiare le ragazze a esplorare il proprio corpo alla ricerca del piacere senza vergogna. La rivoluzione in rosa è in corso sul canale Instagram @pinkprotest

Sveltina nerd: identità sessuale virtuale on demand

Nel videogioco Cyberpunk 2077, attesissimo dai gamers, si potrà definire l’identità sessuale del protagonista, scegliendo l’orientamento sessuale, e decidere se formare relazioni monogame e durature o avere incontri occasionali.

In laboratorio i topi cambiano sesso

Ricercatori del Francis Crick Institute di Londra hanno scoperto di poter invertire il sesso dei topi maschi cancellando una piccola sequenza genetica chiamata Enhancer 13 o Enh13. La rimozione ha causato nei topi geneticamente maschi la crescita di ovaie e genitali femminili. La sequenza si trova in una parte del genoma del topo che ha una perfetta corrispondenza in quello umano, quindi la scoperta potrebbe aiutare a spiegare i disturbi dello sviluppo sessuale negli esseri umani.

Sveltine senza vestiti

Pic-nic naturista a Parigi

Il 24 giugno a Parigi si celebra la Giornata Parigina del Naturismo con un mega pic-nic nell’area naturista del parco Bois de Vincennes. La giornata inizierà con una lezione di yoga senza vestiti. Sarà un altro traguardo per la storia naturista della Francia che arriva dopo l’inaugurazione del primo ristorante naturista di Parigi O’Naturel a novembre dell’anno scorso, e l’apertura, per un giorno (il 5 maggio di quest’anno), del Palais de Tokyo a un gruppo di visitatori naturisti che hanno esplorato le sale espositive dopo aver lasciato i vestiti all’ingresso del museo. 

Liberté, égalité, nudité. La serie francese dove sono tutti nudi

La nuova serie francese Nu è ambientata in un futuro prossimo nel quale una nuova legge prevede la nudità obbligatoria per tutti. La fiction Inizia quando un poliziotto esce dal coma dopo otto anni e deve adattarsi al nuovo corso naturista delle cose.

L’ideatore della serie ha raccontato di essersi ispirato agli attacchi terroristici di novembre 2015 di Parigi. La nudità diventa così una metafora di trasparenza: per aggirare il terrorismo bisognerebbe conoscere ogni cosa di ogni individuo, e se girassimo tutti nudi, in modo che chiunque possa vedere chi siamo e cosa facciamo, magari ci sarebbe più sicurezza e meno violenza per le strade.

Il sesso è volutamente tenuto fuori dalla serie per evitare creare associazioni fuorvianti e perché la nudita non dovrebbe essere causa di disagio o imbarazzo per nessuno.

Sveltina nostrana: l’untore seriale che potrebbe avere contagiato 200 vittime con il virus Hiv

La notizia che ha fatto il giro delle testate italiane questa settimana è difficile da credere: è quella dell’untore seriale Claudio Pinti, l’uomo che per 11 anni dopo aver contratto lHiv ha avuto rapporti sessuali non protetti senza informare le partner del virus. Le persone a rischio contagio potrebbero essere circa 200.

Denunciato da una ex fidanzata a cui è stata diagnosticata la malattia, si trova attualmente in carcere e potrebbe essere incriminato per omicidio volontario. Il sospetto è che abbia infettato anche la compagna, morta a 32 anni, il 24 giugno scorso, dopo aver contratto l’Hiv.

Sveltine En Rose

La mia intervista nuda a Max Ulivieri

Qui trovate la mia recente intervista nuda a Maximiliano Ulivieri, promotore del progetto LoveGiver per l’istituzione della figura dell’assistente sessuale per disabili in Italia.

Con spontaneità, naturalezza e ironia, Max mi ha raccontato di come i disabili vivono la sessualità in un paese come l’Italia che pensa ad abbattere solo un tipo di barriere, quelle architettoniche, mentre si dà da fare per puntellare quelle sociali, culturali e religiose ostentando un moralismo di facciata.

Le Sex en Rose sul blog di Deejay con l’articolo sui sex toy ispirati alle Emoji

Da pochi giorni Lovehoney, il marchio inglese tra i leader della vendita di sex toy online (recentemente acquistato da un imprenditore Svizzero) ha lanciato i vibratori clitoridei wand a forma di faccine Emoji. Le icone gialle, usate come scorciatoia per esprimere emozioni e suggerire comportamenti, sono diventate il nuovo linguaggio dell’amore via banda larga e, per i praticanti del sexting, il linguaggio del sesso. L’articolo è sul blog di Deejay.

Nuova collaborazione con Urban magazine contro il bullismo omofobico

È uscito il nuovo numero di Urban #145 interamente dedicato a #nobulli. A pag. 7 trovate l’artwork firmato da Le Sex en Rose contro il bullismo omofobico. La foto è di I’M the PH.


Fonte immagine: @playboy_russia


INSTAGRAM
@le_sex_en_rose