READING

La masturbazione parla Emoji: vibratori a forma di...

La masturbazione parla Emoji: vibratori a forma di melanzana e faccine gialle

vibratori a forma di melanzana e peperoncino emoji

Le Emoji (da e=immagine + moji=carattere) sono una creazione della Terra del Sol Levante di fine ani ’90, ma è solo dal 2011, da quando Apple ha rilasciato il sistema operativo iOS 5, che sono comparse nelle tastiere di tutto il globo terrestre.

Da allora fare a meno di faccine, cuoricini e manine con il pollice in su nelle comunicazioni digitali è diventato uno sforzo cognitivo che non siamo più disposti a fare. Arriva sempre quel momento in cui sembra che i caratteri tradizionali non bastino più a rendere l’idea e che una faccina che fa l’occhiolino mentre manda un bacio e un cuoricino rosso valga più di mille parole.

In pochi anni le emoji hanno penetrato tutte le barriere, quelle generazionali, culturali e linguistiche, diventando una forma di comunicazione universale che mette d’accordo tutti, da Oriente a Occidente.

La faccina-con-le-lacrime-di-gioia ?, la più usata in tutto il mondo nel 2015, è stata anche riconosciuta come Parola dell’Anno dall’Oxford Dictionaries.

Nello stesso anno l’artista Joe Hale ha tradotto ogni parola del classico capolavoro di Lewis Carroll Alice nel Paese delle Meraviglie in un poster con più di 25000 emoji che inizia con:

??⭕

Giù nella tana del coniglio

Come efficace e funzionale scorciatoia per esprimere emozioni, idee e pensieri e suggerire comportamenti e situazioni, le Emoji sono diventate il nuovo linguaggio dell’amore via banda larga e, per i praticanti del sexting, il linguaggio del sesso. Da tempo è diventato difficile usare la melanzana senza pensare al pene, la pesca senza riferirsi al lato b e le gocce d’acqua senza immaginarsi lo squirting.

Nel 2016 si è anche creata un’insurrezione mediatica quando Apple, nella prima versione beta di iOS 10.2, ha tentato di de-sensualizzare l’emoji della pesca proponendo un nuovo design privo di quella rotondità evocativa del sedere. Per riparare l’oltraggio patito dagli utenti in rivolta, i designer di Cupertino sono tornati alla vecchia icona che, ritoccata in alcune sfumature, è uscita somigliante a un fondoschiena ancora più sodo.

eemoji-pesca

Diverso è il caso dell’emoji della maschera rossa accigliata con il nasone che nascondeva un significato sessuale che tutti ignoravamo. Il mistero è stato svelato da Whores of Yore, l’account Twitter che ripercorre la storia della prostituzione e della pornografia con disegni e immagini erotiche del passato, che ha di recente pubblicato una stampa giapponese in cui la maschera viene utilizzata come strap-on durante una scena di sesso saffico.

L’ormai indissolubile legame tra le emoji e il sesso ha destato l’interesse di alcuni produttori di sex toys che hanno pensato di trasformare le faccine gialle e i frutti digitali dell’amore nel linguaggio della masturbazione.

vibratore-a-forma-di-melanzana-emoji

Nel 2016 Emojibator ha lanciato il vibratore ispirato alla melanzana emoji, seguito da quelli a forma di banana e di peperoncino, e dal contenitore da viaggio con, all’interno, il messaggio motivazionale “Go f*ck yourself. Literally.” (Fottiti. Letteralmente.) Nello shop online si trovano anche bustine di condom con le emoji stampate sopra e copri capezzoli a forma di faccina con gli occhi a cuori, testa di unicorno emoji, foglia di marijuana emoji, ananas emoji, pizza al salame emoji, testa di bradipo emoji e testa di alieno emoji.

vibratore a forma di peperoncino emoji

L’ultimo sex toy ispirato alle emoji è una mini wand ricaricabile via usb lanciata da Lovehoney, il noto marchio inglese e shop online di sex toys. La wand (il vibromassaggiatore con il manico e la testa rotonda, figlio della celebre Magic Wand) si chiama Oh-Moji ed è disponibile in 3 versioni, ognuna con la testa ispirata a una diversa emoji: faccina-che-ride-con-la-lingua-di-fuori, faccina-con-gli-occhi-a-cuore, faccina-che-manda-un-bacino-con-gli-occhi-chiusi-e-un-cuoricino (o faccina-inventata-che-in-realtà-non-esiste).

vibratori-wand-emoji-lovehoney

Secondo metro.co.uk mettere una faccina familiare sui sex toys è un modo per renderli più amichevoli e far sentire le donne che non li hanno mai utilizzati a proprio agio nella sperimentazione.

???‍♀️?

[mah-chissà-vedremo]


ARTICOLI CORRELATI

INSTAGRAM
@le_sex_en_rose