Category: Libri

Di erotismo, sessualità, piacere: 10 libri scovati al Salone Internazionale del Libro di Torino

Sono uscita dal 31° Salone Internazionale del Libro di Torino con quel tipico bagaglio di adrenalina post concerto che ti fa sentire viva e ti fa dire “ancora”. Dai padiglioni del Lingotto Fiere il mondo sembra un posto migliore, popolato da instancabili cercatori di parole che scalano gli stand per saziare la sete di conoscenza, attendono stoicamente in coda per inebriarsi della saggezza dei relatori-superstar e si prendono cura della propria igiene personale, a partire dalle ascelle. Credetemi, a giudicare dalla quantità di deodoranti (ed erano solo quelli spray, vietati all’interno della struttura) allineati ai varchi di ingresso, posso affermare con scientifica certezza che chi legge non puzza.

abc

Cinquanta sfumature di grigio (libro): tutto quello che penso


Il 1° Agosto 2012 la trilogia Cinquanta Sfumature, scritta da E. L. James, ha superato ufficialmente il numero di copie vendute dalla serie di romanzi fantasy Harry Potter sul sito di Amazon UK. E questo è profondamente sbagliato.

Ma ne valeva la pena per sentire questo: [vc_row_inner][vc_column_inner width="2/3"][vc_single_image image="1520" img_size="full" onclick="custom_link" link="http://www.abc.net.au/tv/firsttuesday/s3599768.htm"]  [/vc_column_inner][vc_column_inner width="1/3"]"Pensa solo a quanti libri in più avrei venduto se solo Harry fosse stato un po' più creativo con la sua bacchetta." J. K. R.[/vc_column_inner][/vc_row_inner]Un punto per J.K. Rowling, se mai ne avesse bisogno.

Quel che segue non è una recensione del libro, né l'ennesima critica all'immeritato successo, quanto una serie di personalissime riflessioni su un fenomeno mondiale che ha a che fare con la sessualità e che per questo ha destato il mio interesse.

La mia iniziazione alle 50 sfumature

Sono stata trascinata nelle sfumature di grigio da alcuni amici durante una serata al cinema organizzata in occasione dell'uscita del film. Prima non mi ero particolarmente interessata al libro, dopo ho evitato di leggerlo.

Pace dei sensi fino a quando, qualche giorno fa, ho posto la domanda sbagliata -Ma vale la pena leggere il libro?- alla persona che pensavo fosse giusta (un amico gay appena conosciuto di cui avevo una modesta considerazione), ricevendo la risposta sbagliata -Sì-. E mi sono chiesta (ennesimo errore) cosa ci trovasse di tanto interessante nella lettura di un romanzo erotico che racconta di esperienze sessuali etero.

La risposta non l'ho trovata, ma ho imparato a non farmi più domande.

50 sfumature di grigio in poche parole

Romanzo erotico, primo di una trilogia, che ha fatto parlare di sé per le descrizioni esplicite di alcune esperienze sessuali, tra cui alcune BDSM, raccontate dal punto di vista di lei.

50 sfumature di grigio secondo me

[caption id="attachment_1585" align="alignnone" width="900"]Copertina cinquanta sfumature di grigio parodia con papillon Il mio Mr Grey non usa la cravatta e dentro ha infinite sfumature di colore[/caption]

Il libro è, a livello macro, un insieme poco consistente di parole selezionate in modo casuale e distratto da un'autrice approssimativa, confezionate in una triste copertina con una brutta cravatta grigia per un pubblico di massa prevalentemente femminile, con il solo scopo di vendere. Missione compiuta.

Considerando la risonanza mondiale, è anche un'occasione mancata di scalfire quella barriera di tabù sessuali e far parlare schiettamente di una sessualità vissuta in modo non convenzionale ma non per questo sbagliato o perverso.

A completare il quadro, una scrittura farcita di cliché e una trama banale che si trascina lenta e prevedibile.

I protagonisti: l'ennesima trascrizione dell'ovvio

Anastasia Steele, l'ennesimo stereotipo della brava ragazza, timida, ingenua e imbranata che vive di letture impegnative, università e un lavoro modesto con cui mantenersi umilmente. Completamente disinteressata al sesso opposto ed estremamente vergine, ignara di qualsivoglia forma di masturbazione. Piena di buoni amici che ci provano con lei senza successo, e a corto di vestiti carini che deve ripetutamente chiedere in prestito all'amica. Con la vocazione della crocerossina in missione per salvare gli uomini da sé stessi.

Christian Grey, l'ennesimo stereotipo dell'uomo di successo, giovane e già spudoratamente ricco, con un parco macchine da invidia e passatempi costosi della portata di Iron Man. Galante maniaco del controllo dotato di un notevole membro e instancabile a letto. Capace di guidare elicotteri, pedinare persone, suonare il pianoforte e fare le trecce. Completamente immune al periodo refrattario. Appassionato di fruste, manette e corde che seleziona ed utilizza per sottomettere fanciulle in una stanza allestita allo scopo.

La trama: breve, nuda e cruda.

Il caso li fa incontrare ed è subito attrazione: lui la vede impacciata e insicura e pensa di farne una sottomessa; lei lo vede affascinante e inarrivabile e se ne innamora perdutamente facendosi coinvolgere in pratiche sessuali di cui aveva sempre ignorato l'esistenza. Lui le sottopone un contratto che li inquadra nei ruoli di dominatore e sottomessa e li vede impegnati in pratiche sessuali sadomaso dal venerdì sera alla domenica pomeriggio ad orari stabiliti. Lei è indecisa se firmare o tirarsi indietro, sopraffatta dalla carica sessuale di lui ma spaventata dal dolore che le potrebbe infliggere. E soprattutto vuole di più: un fidanzato normale con cui costruire una relazione normale, cene, fiori, cinema e baci in pubblico. Lui la introduce al sesso e alle pratiche sadomaso per gradi (a suo dire) nella speranza che lei decida di abbandonarsi a lui e di farsi dominare con frustate e pacche sulle natiche alla ricerca del piacere. Lei si perde nel turbinio di ripetuti e tumultuosi orgasmi, intervallati da brevi pause durante le quali indaga sull'origine di un approccio così barbaro al sesso con domande che generano non poco fastidio in lui. Ne viene fuori un passato di infanzia difficile, una madre drogata e Mrs Robinson, dominatrice professionista e cara amica della mamma adottiva che ha fatto di Mr Grey il suo personale schiavo sessuale per 6 anni da quando lui ne aveva 15.

Particolari che non ti possono sfuggire.

Lei ha il vizio di mordersi il labbro a lui la cosa provoca erezioni incontenibili. Lei ha il vizio di alzare gli occhi al cielo e a lui la cosa fa venire voglia di prenderla a schiaffi sul lato b. Lei non ha mai fame quando è insieme a lui e la cosa lo fa altamente incazzare. Lui non fa l'amore ma fotte... senza pietà, non dorme con nessuna e non è solito a romanticherie. Lui è ricco. Tanto. E non ne fa mistero. A lui piacciono le camicie bianche di lino. Tanto.

(alcune delle) Cose che non hanno senso

Durante tutta la narrazione i personaggi si dilettano in dialoghi e atteggiamenti spesso incoerenti con il proprio profilo, come se a un certo punto l'autrice si facesse prendere la mano e si sostituisse temporaneamente loro dando voce ai suoi pensieri. Ma ci sono alcune cose che superano ogni fantasia possibile in ognuno degli universi paralleli possibili. Soprattutto 3:

Lei. Anastasia parte verginella e inesperta e si trasforma in una macchina da orgasmi multipli senza passare da nessuna fase intermedia. La prima volta che "stanno insieme", in meno di 24 ore, lei sperimenta un totale di 5 orgasmi, di cui uno da stimolazione dei capezzoli e uno da stimolazione orale del clitoride, e si diletta nella sua prima sessione di sesso orale praticata a lui (ovviamente brillante.. la classica fortuna del principiante!). E viene sempre, quando glielo dice lui, senza mancare un colpo. Chapeau.

Lui. Christian è il classico uomo che non deve chiedere mai, sicuro e pieno di sé, ma cade in paranoia dopo 2 secondi che lei non risponde ai suoi messaggi, lanciandosi in pedinamenti e atteggiamenti da stalker.

La fine: la trama procede banale e ripetitiva per più di 600 pagine, per poi cambiare improvvisamente nelle ultime 10, quando evidentemente l'autrice ha deciso di voler creare l'aggancio per un secondo libro.

[segue spoiler]

In meno di 10 pagine Anastasia (dopo essersi presa 6 cinghiate sulle natiche) mette in discussione tutto il rapporto costruito con Christian fino a quel momento e decide di tirarsi indietro. In un susseguirsi di pensieri ed azioni incoerenti e frettolose decide di scappare da lui ma resta a dormire a casa sua; poi già che è lì al mattino si fa ancora una doccia; poi in preda ad un fulmineo moto di orgoglio gli restituisce tutti i regali costosi che lui le ha fatto, e infine si fa accompagnare a casa dal suo autista. Saluti e baci.

Qualcosa di salvabile

Gli oggetti personalizzati delle e-mail che si scambiano Cristian e Ana: spesso ironici, qualche volta sagaci, spezzano la piattezza della narrazione. Un punto per l'intuizione.

La dea interiore (criticata da tutti): Ana descrive spesso le sue sensazioni più viscerali e mento controllate impersonandole nella figura della dea interiore, una sorta di subconscio che a volte balla la samba, altre sospira di sollievo o fuma di rabbia. Per quanto frivola, aggiunge qualche tratto alla sua personalità.

Ha fatto parlare di sesso: anche se in modo superficiale e in un'ottica non ancora libera da pregiudizi, ha tolto qualche pelo sulla lingua a chi non aveva mai parlato o letto 'di certe cose'.

Taylor: autista personale di Christian, pagato profumatamente per non avere una vita e assecondare le volontà del suo capo. Onnipresente, invisibile e taciturno, spunta qua e là durante la narrazione per guidare l'auto, acquistare biancheria intima femminile di ricambio, vendere auto di seconda mano e accogliere ospiti in casa. Coerente ed insostituibile.

Il terzo protagonista: il sesso

Soft Bondage polsi legati con papillon

Nel leggere il libro ho direzionato tutta la mia attenzione nella trattazione dell'aspetto della sessualità. Non avendo mai letto romanzi erotici mi interessava capire come si potesse mettere per iscritto un argomento di cui si parla così poco.

Tutto ciò che fa riferimento alla sessualità viene raccontato sotto forma di esperienze vissute attraverso gli occhi della protagonista: Ana descrive le sensazioni di eccitazione che Christian stimola in lei attraverso giochi erotici e di ruolo, in che modo si svolgono le avventure sessuali e come queste la portano a sperimentare orgasmi travolgenti.

La sequenza di azioni e pensieri si ripete identica per tutto il libro: lui la porta ad uno stato di eccitazione, prima a parole e poi fisicamente, lei si eccita, geme e si inarca, lui le blocca le mani e la fa venire a suo comando per penetrazione, stimolazione orale o altro, venendo a sua volta simultaneamente.

Tutti gli orgasmi di Ana arrivano dopo un'eccitazione che cresce costante ed inesorabile. Nessuna variazione, nessuna indecisione, nessun fastidio, nessun pensiero passeggero che possa disturbare il momento. Nessuna sfumatura (un punto per me). Peccato.

Nel romanzo Mr Grey sperimenta il sesso nelle vesti di dominatore che attraverso punizioni, strumenti BDSM e richieste di obbedienza esercita il suo potere sulla sottomessa, coinvolgendola in pratiche sessuali in cui il dolore e l'eccitazione si fondono e conducono al piacere sessuale di entrambi. Fin qua poteva trattarsi della libera scelta di vivere la sessualità in un modo differente da quello 'ordinario', alla vaniglia, consapevole e libero da tabù e pregiudizi.

Il fatto di aver motivato l'approccio di Mr Grey alla sessualità con un passato difficile e traumatico, lo rende in qualche modo sbagliato e lo carica di valori negativi. Il sesso, così com'è vissuto da Christian, non è libero e consapevole ma deviato da traumi pregressi, e necessita di essere corretto per avvicinarsi a quella che è una pratica sessuale più giusta ed accettabile. Peccato.

Per chi, nonostante tutto, voglia avventurarsi nella lettura:

il mio consiglio è quello di prendere il libro per quel che è, una lettura scorrevole e poco impegnativa che parla di due persone con trascorsi e stili di vita diametralmente opposti che si incontrano e si attraggono, un contratto, e tanti orgasmi. Tutti ugualmente belli.

Prima di 50 sfumature di grigio

Quanto Cinquanta sfumature di grigio si chiamava 'Master of the universe' e raccontava di Bella Swan e Edward Cullen.

La storia di Ana e Christian è nata come fanfiction (opera scritta dai fan a partire dalla storia originale) di Twilight pubblicata in diversi episodi da E.L. James su vari siti dedicati ai fan. Dopo essere stata ripetutamente segnalata per la scrittura esplicita e piccante, l'autrice ha poi trasferito tutto su un sito di sua proprietà modificando titolo e nomi dei personaggi, per poi rimuovere il contenuto dal web e inviarlo alle case editrici. Così Bella è diventata Anastasia, Edward è diventato Christian, e i vampiri sono tornati umani (per fan e curiosi: qui la trasposizione di tutti i personaggi).

Quando Mr Grey si chiamava Edward

Prima di Christian c'è stato un altro Mr Grey, avvezzo alla pratica di BDSM e alla sottomissione di segretarie. Sto parlando del protagonista del film Secretary, uscito nel 2002, al quale E.L.James potrebbe essersi ispirata per elaborare la storia dei nostri eroi contemporanei. Una narrazione completamente diversa, a tratti ironica, più sottile ed articolata, ma con molti tratti in comune. Per chi volesse vederlo: è uno di quei film né belli né brutti, che richiedono tempo e dedizione nella comprensione della narrazione, ma lasciano qualcosa alla fine. Non aspettatevi un film alla 5o sfumature. Siete stati avvertiti.

Cosa lascia 50 sfumature di grigio

A parte altri due libri che non leggerò, due film di cui scriverò presto e una collezione di sex toys e oggetti per il bondage commercializzati dal marchio Lovehoney (che trovate anche qui) di cui consiglio il frustino (provato e approvato) e il righello (perchè è un bel righello, punto).

abc
INSTAGRAM
@le_sex_en_rose